COMUNICAZIONE GIORNALISTICA E PUBBLICITARIA

Crediti: 
6
Settore scientifico disciplinare: 
SOCIOLOGIA DEI PROCESSI CULTURALI E COMUNICATIVI (SPS/08)
Anno accademico di offerta: 
2016/2017
Semestre dell'insegnamento: 
Primo Semestre
Lingua di insegnamento: 

Italiano

Obiettivi formativi

A conclusione del corso gli studenti dovrebbero essere in grado di scrivere/comunicare con chiarezza comunicati/articoli/interviste e di realizzare materiali testuali/iconici “pubblicabili”
L'impegno e la frequenza alle lezioni dovrebbero conferire agli studenti una certa padronanza metodologica e abilità di apprendimento utili per l'accesso a future professioni in ambito comunicativo el giornalistico.

Prerequisiti

interesse e motivazioni al lavoro giornalistico e/o pubblicitario.

Contenuti dell'insegnamento

Il corso è strutturato in tre parti.
1) Analisi del sistema delle comunicazioni di massa, con particolare riferimento alle trasformazioni che hanno interessato le aziende editoriali, la professione giornalistica, le imprese di comunicazione e i comunicatori.
2) Cause ed effetti dell’“ingorgo” mediatico che scaturisce dalla proliferazione dei soggetti attivi sul mercato dell’informazione, esasperata dalla straordinaria diffusione di new media e social media
2.1) Un approfondimento (pratico-operativo) sui social media. Ossia giornalismo e comunicazione 2.0 e utilizzo di word press.
3) i nuovi status dell’informazione e del lavoro giornalistico alla luce dei principali condizionamenti che su di essi pesano: vincoli proprietari ( ormai escludenti “editori puri”) e ruolo sempre più soffocante, della pubblicità.

Bibliografia

1
G.Triani, L’ingorgo. Sopravvivere al troppo, Eleuthera, Milano, 2010 ( con particolare riferimento ai capitoli dedicati ai media, alla pubblicità e ai consumi)
2. Il futuro è adesso, SanPaolo edizioni, Milano, 2013
3. Due testi a scelta fra i seguenti :
3.1 Classici
M.McLuhan, Gli strumenti del comunicare, il Saggiatore, Milano, 2011 ( 1ed. 1967)
V.Packard, I persuasori occulti, Einaudi, Torino, 2007 (1ed.1957)
N. Postman, Divertirsi da morire, Marsilio, Venezia, 2001
Th.Gitlin, Sommersi dai media, Etas, Milano, 2003

3.2 Attualità giornalistica e (new) mediale

D.Chieffi,C.Dani,M.Renzi, Working on web, Angeli, Milano, 2013.

Ippolita, La rete è libera e democratica. Falso!, Laterza, Roma, 2014

V.M.Schonberger – K.Cukier, Big Data, Garzanti, Milano, 2014

G.Visconti, Giornalista online. Dal web writer al web editor , Franco Angeli, Milano, 2015

G.Zanchini, Leggere cosa e come: il giornalismo e l’informazione culturale nell’era della rete, Donzelli, Roma, 2016

Metodi didattici

L'insegnamento è costituito da lezioni frontali, proiezione di filmati, spot e campagne web. Collegamenti con redazioni e agenzie pubblicitarie sfruttando web conference e Skype. La valutazione finale è in trentesimi e tiene conto, oltre che della prova orale, della valutazione degli articoli scritti per i giornali del corso: www.wateronline.info giornale d’acqua ambiente e paesaggio; www.loltretorrentechevorrei.it portale e news del quartiere universitario, www.madeinparma.info , sito di e-commerce narrativo; e della produzione ( facoltativa) di un “corto” realizzato con telecamera digitale o smartphone.

Modalità verifica apprendimento

esame scritto ( 4 articoli + 1 video) e orale