STORIA DELLA STAMPA E DELL'EDITORIA

Crediti: 
6
Settore scientifico disciplinare: 
ARCHIVISTICA, BIBLIOGRAFIA E BIBLIOTECONOMIA (M-STO/08)
Anno accademico di offerta: 
2016/2017
Semestre dell'insegnamento: 
Primo Semestre
Lingua di insegnamento: 

Italiano

Obiettivi formativi

Il corso intende fornire agli studenti le competenze per orientarsi consapevolmente nel mondo dell’editoria libraria di oggi. A questo scopo la prima parte del corso sarà dedicata alla conoscenza del libro come prodotto culturale, industriale, fisico, commerciale.
I fondamenti su cui si basa la moderna editoria libraria saranno descritti seguendo operativamente le fasi in cui si articola la creazione di un libro, dall’inserimento nel programma editoriale della casa editrice alla realizzazione del volume finito.
Questo lavoro sul processo editoriale sarà inquadrato da una analisi storica, oggetto della seconda parte del corso, dedicata alla trasformazione dell’oggetto libro nel tempo; le “tre storie” del libro (il libro manoscritto, il libro stampato, il libro elettronico) saranno esaminate come un flusso coerente e continuo di un medesimo processo: la trasformazione dei contenuti in prodotto editoriale.

Prerequisiti

Nessuno in particolare.

Contenuti dell'insegnamento

Il corso si articola in due Unità.

1-Introduzione all’Editoria libraria

La prima sezione del corso è rivolta alla conoscenza del libro come prodotto culturale, industriale, fisico, commerciale.
Saranno affrontati i fondamenti dell’editoria libraria seguendo le fasi in cui si articola la creazione di un libro, dall’inserimento nel programma editoriale all’acquisizione e la contrattualizzazione dei contenuti autoriali, al publishing, alla produzione industriale del volume, agli aspetti economici dell’attività editoriale, fino a giungere alla promozione e commercializzazione sul mercato del libro finito. Concluderà questa unità uno sguardo d’insieme all’organizzazione delle case editrici e ai mestieri dell’editoria libraria.

2-Lineamenti di Storia della stampa e dell’editoria

La seconda unità del corso traccerà per grandi linee una storia del libro, della stampa e dell’editoria nelle sue tre fasi:
- Il libro manoscritto (dalle origini all’invenzione della stampa a caratteri mobili)
- Il libro stampato (dall’invenzione di Gutenberg al XX secolo).
- Il libro elettronico

Della prima fase, quella del libro manoscritto, si darà una rassegna estremamente sommaria, soprattutto finalizzata a descrivere un panorama dell’editoria nell’epoca immediatamente precedente all’invenzione della stampa moderna.
Alla seconda fase, la storia della stampa moderna, sarà dedicata la maggior parte del corso.
La terza fase, quella del libro elettronico, ancora in divenire, sarà delineata nei suoi aspetti concettuali, economici e tecnologici anche in riferimento all’impatto che essi hanno avuto nella produzione del libro “tradizionale”.

Programma esteso

Il corso si articola in due Unità.

1-Introduzione all’Editoria libraria

La prima sezione del corso è rivolta alla conoscenza del libro come prodotto culturale, industriale, fisico, commerciale.
Saranno affrontati i fondamenti dell’editoria libraria seguendo le fasi in cui si articola la creazione di un libro, dall’inserimento nel programma editoriale all’acquisizione e la contrattualizzazione dei contenuti autoriali, al publishing, alla produzione industriale del volume, agli aspetti economici dell’attività editoriale, fino a giungere alla promozione e commercializzazione sul mercato del libro finito. Concluderà questa unità uno sguardo d’insieme all’organizzazione delle case editrici e ai mestieri dell’editoria libraria.

Programma di massima:

- Il libro e l’editoria:
Il libro - Oggetto fisico e contenuti. I diversi modi di pensare, acquisire, realizzare libri.
L’editoria - L’industria che elabora i contenuti e li trasforma in libri.
- La macchina editoriale (I): Acquisizione/progettazione
- La macchina editoriale (II): Il publishing
- Tecnologia e produzione del libro
- Il mercato (Interno e internazionale)
- Il conto economico in editoria
- L’organizzazione delle imprese editoriali

2-Lineamenti di Storia della stampa e dell’editoria

La seconda unità del corso traccerà per grandi linee una storia del libro, della stampa e dell’editoria nelle sue tre fasi:
- Il libro manoscritto (dalle origini all’invenzione della stampa a caratteri mobili)
- Il libro stampato (dall’invenzione di Gutenberg al XX secolo).
- Il libro elettronico

Della prima fase, quella del libro manoscritto, si darà una rassegna estremamente sommaria, soprattutto finalizzata a descrivere un panorama dell’editoria nell’epoca immediatamente precedente all’invenzione della stampa moderna.
Alla seconda fase, la storia della stampa moderna, sarà dedicata la maggior parte del corso.
La terza fase, quella del libro elettronico, ancora in divenire, sarà delineata nei suoi aspetti concettuali, economici e tecnologici anche in riferimento all’impatto che essi hanno avuto nella produzione del libro “tradizionale”.

Programma di massima:

- Prima del libro stampato
- L’invenzione di Gutenberg e l’età degli incunaboli.
- Il Cinquecento: la diffusione in Europa del nuovo mezzo tecnologico di produzione e l’affermazione delle prime imprese editoriali; il modello dello stampatore-editore.
- Il Seicento: il panorama delle editorie nazionali; il Settecento, fino all’invenzione della litografia.
- Dal caso “Encyclopedie” alla seconda metà dell’Ottocento: mutamenti tecnologici, industrializzazione sistematica e nuovi modelli distributivi. Il modello del libraio-editore.
- Dalla seconda metà dell’Ottocento alla prima metà del Novecento: la moderna impresa editoriale; gli editori-editori.
- Il Novecento (II): rivoluzioni tecnologiche e mutamenti di paradigmi: dal piombo al desktop publishing al libro elettronico.

Bibliografia

BIBLIOGRAFIA:
Per l’Unità 1:
Dispensa del corso, fornita dal docente in formato elettronico
Oppure:
AaVv, Piccolo dizionario dell’editoria, Milano, Modern Publishing House, 2008

Per l’Unità 2:
Ferrari, G.A., Libro, Torino, Bollati Boringhieri, 2014
Braida, L., Stampa e cultura in Europa, Roma-Bari, Laterza, 2000

Per i non frequentanti si aggiungerà anche:
Moretti, D., Il lavoro editoriale, Roma-Bari, Laterza, 2005

Metodi didattici

L'insegnamento è costituito da lezioni frontali. La valutazione finale è in trentesimi e tiene conto, oltre che della prova orale sul corso monografico, della valutazione di una breve tesi prodotta dagli studenti, corretta in precedenza e discusso durante la prova orale.

Modalità verifica apprendimento

L'esame orale verterà sui temi trattati nelle due sezioni del corso. Parte integrante del voto finale sarà costituito dall'esito di una breve tesi, presentata dagli allievi secondo le modalità qui sotto descritte.

Tesi individuale scritta.
Allievi e allieve frequentanti e non frequentanti saranno tenuti a presentare una breve tesina di lunghezza tra le 5 e le 8 cartelle di lunghezza (cartelle di 2000 battute, dunque tra le 10mila e le 16mila battute, spazi compresi), completa di brevissima bibliografia e fonti.

Il lavoro verterà su un tema circoscritto e specifico di storia della stampa e dell’editoria dalla metà del XV secolo a tutto il Novecento, relativo a qualsiasi aspetto di storia della stampa e dell’editoria trattato nelle due unità del corso (a semplice titolo di esempio: casi editoriali, innovazioni tecnologiche, storie di imprese editoriali, anche locali, protagonisti di momenti della storia editoriale, “editorie” specializzate, .)

L’argomento della tesi potrà essere proposto dal candidato o suggerito dal docente sulla base sulla base del percorso di studi dell’allievo/a, dei suoi interessi specifici, dei pregressi studi di laurea triennale, della provenienza geografica.
In ogni caso l’argomento della tesina dovrà essere concordata con il docente, dovrà essere redatta con un programma di scrittura (Word o similari) e una copia stampata dovrà essere fornita al docente almeno 15 giorni prima dell’appello d’esame prescelto.
La valutazione della tesina entrerà nel giudizio complessivo dell’esame.

Altre informazioni

Il corso sarà integrato con visite a realtà produttive e museali legate ai temi dell’editoria libraria, della storia della stampa, della distribuzione e della commercializzazione dei libri, .

Si elencano, a puro titolo di esempio:
Relative all’Unità 1 del corso:
-Case editrici
-Distributori
-Fiere librarie
-Stampatori in offset e in digitale (produzione di libri e riviste)
-Stampatori in flessografia (produzione industriale di libri)
-Stampatori in rotativa (produzione di quotidiani)
Relative all’Unità 2 del corso:
-Museo Bodoniano e altri musei della stampa
-Fondazione Mondadori
-Csac, sezione comunicazione
.